La porta della cella, quella che ti divide, nel bene e nel male, dal resto del carcere. È quella che quando si chiude ti concede un po’ di solitudine oppure che quando si apre ti permette un po’ di socialità. Di solito i blindi sono composti da due componenti, una parte con delle sbarre “aperte” che consentono di vedere cosa c’è dall’altra parte e parlare con gli altri rinchiusi, un’altra parte che chiude completamente la cella, togliendo la possibilità di comunicazione e visuale. Questa seconda parte ha di solito una sorta di “spioncino” che permette alle guardie di controllare dentro la cella in ogni momento. La chiusura o l’apertura dei blindi dipende dal regime detentivo e dal carcere nel quale ci si trova.